Associazione Missionaria “Vita del mondo”

Progetto "Zaira"

Condividi
Zaira

Ambito di intervento: avviamento al lavoro

Dove: Mauá – Stato di San Paolo – Brasile

Inizio progetto: 2002

Obiettivo: sostegno economico alle famiglie povere che vivono nella "favela" di Macucco, sostenendole nella ricerca di un lavoro, nell'ass sanitaria, alimentare, nell'istruzione ecc.., presupposti fondamentali per una situazione famigliare stabile

Quota: 300 € all'anno per ogni componente di ciascun nucleo famigliare, possibili quote parziali e offerte una tantum

Referente locale: Suor Grazia – Pequenas Irmas del Menino Jesus

Per informazioni: Andrea Sirco e Chiara Bordessa, ansirco@tin.it (tel. 031.947287)

CONTESTO SOCIO-GEOGRAFICO

Cartina (clicca per ingrandire)

Mauà è una città di circa 400.000 abitanti all'estrema periferia di San Paolo del Brasile; questa metropoli condivide gli stessi problemi di molte altre città brasiliane: persone costrette a vivere in quartieri ad altissima densità, le "favelas", in baracche di legno improvvisate, mal costruite e mancanti dei più elementari servizi igienici; disoccupazione a livelli altissimi; alimentazione non adeguata; igiene insufficiente...
Tutti questi sono fattori che insieme generano situazioni di violenza e disperazione e come conseguenza spesso molte persone cadono preda della droga e dell'alcool.

In Zaira, un quartiere di Mauà di 60.000 abitanti, svolgono la loro attività le suore della missione "Pequenas Irmas de Santa Terezinha do Menino Jesus".
La nostra referente per il progetto di adozione è Suor Grazia.
La sua è una missione sicuramente non facile, viste le sfide e i problemi posti da un ambiente dove moltissime persone vivono in condizioni di bisogno e di miseria. Insieme a lei, alla missione sono presenti una quindicina tra suore, novizie e postulanti che provengono da diverse parti del Brasile.
Le attività principali svolte all'interno della missione sono:
- l'educazione dei bambini attraverso la gestione dell’asilo “Lar Santa Terezinha”(circa 150 bambini);
- l'accoglienza di un gruppo di "nonne" permanentemente ospitate e curate;
- l’assistenza a tutte le famiglie con cui si riesce a venire in contatto per fornire loro un aiuto basilare dal punto di vista economico, sociale, sanitario.

La comunità delle suore è anche un punto di riferimento all'interno della parrocchia, nell'ambito della catechesi, della preparazione ai sacramenti, nelle celebrazioni liturgiche ecc… Particolarmente importante è il lavoro di sostegno alle famiglie locali a livello educativo, spirituale, materiale e igienico-sanitario.
Non bisogna sottovalutare l'impegno che, sempre in questo campo, svolgono i volontari laici. Le agenti di salute visitano, insieme alle suore, le famiglie più povere delle favelas, cercando di sostenerle nei loro bisogni essenziali.

E' in questa missione che per circa un mese alcuni ragazzi di Maccio sono stati ospitati nell’Agosto 2001; la loro esperienza è stata un modo per vedere da vicino una realtà radicalmente diversa da quella solitamente vista dagli occhi di noi abitanti di un ricco paese occidentale. E’ stato possibile incontrare molte persone, la maggior parte delle quali affronta quotidianamente grandi difficoltà dovute principalmente alla mancanza di un lavoro stabile e, di conseguenza, di una casa dignitosa, in una situazione sociale e igienica molto precaria.
Durante le loro visite periodiche nei quartieri più poveri della città, le suore e i volontari cercano di rilevare quali siano i problemi maggiori per le famiglie incontrate,in modo da trovarne una soluzione, sostenendo chi è in cerca di aiuto o anche solo di una parola di conforto e di incoraggiamento.
Sicuramente ad un primo sguardo non è possibile comprendere una realtà complessa come quella brasiliana. E’ pero’ possibile fare qualcosa per dare un aiuto concreto a queste persone che, pur vivendo in grandi difficoltà, possono comunque dare a noi un grande esempio: l’esempio di una vita in cui la speranza e la cura per il prossimo sono sempre ben presenti in ogni occasione.

IL PROGETTO

Il progetto di aiuto sostenuto dall’Associazione, maturato durante la permanenza in Brasile del gruppo di ragazzi di Maccio, pensato insieme alle “Irmas”, si propone di fornire un aiuto economico annuale ai nuclei familiari che vivono nelle favelas, contribuendo a risolvere alcuni dei problemi più gravi ed urgenti:
- mancanza di una alimentazione adeguata per tutta la famiglia ed in particolare per i bambini (le suore raccontano di avere incontrato casi’ cosi’ gravi che diversi bambini sono stati ricoverati all'ospedale per denutrizione);
- impossibilità di acquistare medicine e quindi di essere curati;
- impossibilità di acquistare vestiti;
- difficoltà per i bambini di frequentare la scuola o l'asilo;
- necessità di lavori urgenti di sistemazione della "baracca", per evitare le infiltrazioni di acqua e vento o ridurre il pericolo di crolli (talvolta le baracche sono costruite in luoghi a rischio di frane o cedimenti);

Nella maggioranza dei casi, gli adulti non hanno un’occupazione stabile o sono disoccupati, anche da parecchio tempo. I pochi fortunati che hanno un lavoro, con il misero stipendio che riescono a guadagnare (magari anche con l'aiuto dei figli costretti a fare lavoretti marginali) non riescono tuttavia ad occuparsi della loro famiglia.

Si tratta quindi di lavorare insieme alle suore della missione e ai volontari della comunità locale (che accompagneranno e seguiranno le famiglie direttamente sul posto, anche grazie al nostro contributo economico) per risolvere insieme i problemi più gravi e urgenti.
Tutto ciò fino a quando le famiglie seguite non saranno in grado di "camminare da sole".

Finora Suor Grazia ci ha segnalato circa 10 nuclei familiari, tra quelli già parzialmente conosciuti, che hanno maggiori necessità.
Poco alla volta nuove famiglie si aggiungeranno a questo nucleo iniziale, perchè le suore e i volontari continueranno sempre a percorrere le favelas, ad incontrare e contattare nuove famiglie, forse rimaste sconosciute o da poco arrivate dalle campagne.
Ci sono ancora famiglie giunte da poco dal nord-est del Brasile in cerca di una vita migliore e purtroppo non molte riusciranno a realizzare il loro sogno. Per questo le suore ci invitano a sostenerle con un impegno costante; la speranza dell’Associazione è quella di incontrare parecchie persone che siano disponibili a raccogliere questa sfida.

Concretamente si tratterà di spedire a Mauà un contributo annuale per ogni famiglia seguita (ogni persona che aderisce all'iniziativa coprirà una parte del contributo per quella specifica famiglia), che verrà utilizzato per fare fronte ai problemi più gravi di quel nucleo familiare.

Come detto, i nuclei familiari seguiti inizialmente sono stati 10, alcuni con numerosi figli. Non sempre il padre è presente, quindi molto spesso è la sola mamma a dover pensare a tutta la famiglia; questo significa che quando la mamma è fuori in cerca di lavoro, i bambini rimangono a casa soli, sono poco seguiti ed accuditi: in generale devono diventare grandi fin da piccoli!
Conoscendo la situazione di queste famiglie, ci si rende conto che non è possibile legare ogni famiglia ad un problema o bisogno specifico, perché ogni nucleo ha una combinazione più o meno grave dei problemi prima elencati (purtroppo i problemi sono sempre inestricabilmente connessi).

Una cosa a cui anche le “Irmas” tengono particolarmente è il contatto tra le persone che qui in Italia sosterranno il progetto e la famiglia a Mauà. Un contatto (realizzato attraverso le suore e i volontari) che si spera non sarà solo scambio di informazioni, ma un tentativo di essere il più possibile "vicini" a quelle persone che si stanno aiutando. Un modo per costruire rapporti, relazioni vitali.

La realizzazione concreta di ciò dipenderà dalla fantasia, disponibilità e creatività di ciascuno ...


Indirizzo della missione:
SOCIEDADE PEQUENAS IRMAS DE STA TEREZINHA DO MENINO JESUS
AV. ZAIRA MANSUR SADEK, 775
MAUA' (SAO PAULO) - BRAZIL
TEL. 0055-(11)-45455.130